Emmanuel

Emmanuel racconta la storia di un bambino e del suo divenire uomo. Un fanciullo che da subito subisce la vita e le sue inflessibili “prove”. Attraversando la foresta del suo inconscio, egli rivive ciò che è rimasto incompiuto dalla sua anima, un doloroso quanto ineluttabile sentimento di separazione da chi ama che si riproporrà in tutta questa storia. Spesso nei momenti più cupi e bui, la vita ci offre una possibilità, quella di aprire una porta e, questo, è quello che accade ad Emmanuel. Incontrare il potere alchemico dell'”amore” che rappresenta l’unico vero antidoto per curare e sanare ogni sofferenza, trasformando l’errore iniziale dell’intelletto in dignità evolutiva di cambiamento, comprendendo che “non c’è Attitudine che non può essere tramutata in Rettitudine”. Rompere lo schema del vittimismo e del rancore, per ritrovarsi come Telemaco ad aspettare l’arrivo del “padre” Ulisse e affrontare insieme l’Avversario. Uscire alla fine dalla foresta e incontrare in campo aperto quel lupo, il vero e irriducibile nemico di Emmanuel… “se stesso”. Il miracolo della vita che si compie, da sempre, che ci permette di “ritrovarci nell’amore, per l’amore”.

Gli Oli...essenziali alla vita

Se vuoi imparare a conoscere meglio gli oli essenziali: come influenzano la mente, le emozioni, il corpo ma anche come ci connettono alle nostre energie più sottili, questo libro è per te.

Gli Oli essenziali per la cura dei nostri animali

Un libro scritto per aiutare chi ama gli animali domestici a vivere la quotidianità assieme ad essi nel modo più amorevole, gioioso e autentico, con l’aiuto degli oli essenziali.

Il perdono assoluto

Quello di Colin C. Tipping è un libro che ha cambiato la vita di migliaia di persone. Un autentico bestseller mai pubblicato in Italia. Il suo messaggio è chiaro e il suo metodo semplice e alla portata di tutti. Qualunque problema ci capiti non è una disgrazia di cui sentirci vittime, ma piuttosto un dono e un’opportunità per far evolvere la nostra anima e avvicinarci così al nostro essere divino. Nulla di quello che ci succede è casuale. Siamo noi stessi ad attirarlo, per offrirci una grande possibilità di crescita interiore. Cos’è il Perdono Assoluto? Qualcosa di completamente diverso da quello che viene normalmente chiamato perdono. Ciò che lo rende assoluto è la sua semplicità, la sua piena accessibilità e immediatezza. Ecco perché è diverso dal perdono tradizionale che, come tutti sappiamo, richiede una lunga applicazione e anche un certo eroismo. Chi ha bisogno del Perdono Assoluto? In verità ne hanno bisogno tutti. Per chi lo sperimenta e ne fa un’abitudine, il Perdono Assoluto si trasforma in uno stile di vita, che regala ogni giorno felicità, armonia e pace. Perché perdonare? Si dice che la vendetta sia dolce. Ma continuare a interpretare il ruolo di vittime significa pagare un prezzo altissimo. Il Perdono Assoluto invece regala padronanza e migliore controllo della propria vita, più energia e salute, relazioni più sincere.

La cura del perdono

Un libro che “nasce da una sofferta crisi personale che nel 2005 mi ha investito sconvolgendo salute, relazioni, lavoro, amicizie e ideali. Effimero e inefficace ogni tentativo di uscirne. Poi, quasi all’improvviso, ho scoperto il perdono. In genere questa parola fa pensare alla religione o alla psicoterapia. Nel libro che avete tra le mani, invece, si parla del perdono come di un valore universale dell’umanità, svincolato da qualsiasi appartenenza che non sia alla vita stessa. Il perdono fa parte di una nuova educazione alla consapevolezza e alla felicità; una strategia evolutiva che ha effetti positivi sulla salute, il benessere e la qualità della vita. Questo libro è un viaggio dentro il significato più autentico del perdono, attraverso le storie di chi la propria vita l’ha cambiata davvero, di chi ha guarito la sofferenza più profonda, ha imparato ad amare, ha ottenuto successo, ha riscoperto gli affetti. Gli approfondimenti scientifici, la formazione, la pratica possono costituire una premessa per la ricerca di una nuova via alla felicità, un invito a scoprire il senso perduto del perdono, una chiave che può aprire le porte del cuore e far ritrovare equilibri e armonie, fino a guarire relazioni, pensieri, emozioni, corpo e anima”.

La via del guerriero di pace

“All’inizio del dicembre del 1966, durante il mio primo anno alla University of California di Berkeley, nella mia vita si verificò una straordinaria serie di eventi. Cominciò tutto alle tre e venti di un mattino, quando incontrai per la prima volta Socrate in una stazione di servizio aperta tutta la notte (non mi aveva detto il suo vero nome, ma dopo i momenti passati con lui durante quella prima notte gli diedi d’impulso il nome dell’antico saggio greco; il nome gli piacque, e così rimase). Quell’incontro casuale, e le avventure che seguirono, erano destinati a trasformare la mia vita…”. Dan Millman, ex campione mondiale di atletica, allenatore della squadra di ginnastica dell’università di Stanford, docente all’Oberlin College e insegnante di arti marziali, ha ispirato milioni di lettori, coniugando l’approccio del guerriero di pace a un modo di vivere saggio e positivo. I suoi concetti fondamentali, i suoi seminari e i suoi corsi di formazione hanno influenzato positivamente persone di ogni età e professione.

La padronanza del Sè

Don Miguel Ruiz Jr. presenta con parole attuali l’antica saggezza della tradizione tolteca, aiutandoci a metterla in pratica nella vita di ogni giorno. Gli antichi Toltechi affermano che la vita, così come la percepiamo, è un sogno: ciascuno vive nel proprio sogno personale e i sogni di tutti si riuniscono a formare il Sogno del Pianeta. I guai iniziano quando dimentichiamo che tutto è solo un sogno e arriviamo a credere di non avere alcun controllo. Sviluppiamo la padronanza di Sé quando riusciamo a vivere il Sogno del Pianeta senza perdere di vista chi siamo davvero, rimanendo consapevoli che ogni scelta da noi compiuta è una nostra responsabilità. Se ricordiamo che si tratta solo di un sogno, riusciamo a muoverci liberamente, spezzando infine le catene dell’attaccamento e della schiavitù. Una volta liberi, abbiamo la possibilità di vivere il nostro Sé più vero, autentico e amorevole non più solo nel silenzio e nella meditazione, ma in qualsiasi luogo, nel negozio sotto casa o in un ingorgo stradale, e in qualunque situazione o scenario che ci troviamo ad affrontare.

Le emozioni che curano

Partendo dalle ricerche più aggiornate nell’ambito della neurofisiologia e delle scienze della psiche, Erica Poli, psichiatra e psicoterapeuta, indaga la potente interazione tra mente e corpo nei processi di guarigione, elaborando una “medicina delle emozioni” in grado di curarci. Un campo pieno di fascino, che ha mutato il paradigma medico e psicoterapico ponendo al centro della comprensione della salute e della malattia una intelligenza corporea integrata a più livelli, tra mente, cuore e corpo. Così come lutti, traumi violenti, abbandoni, possono distruggere individui e segnare intere famiglie, allo stesso modo – ci spiega Erica Poli – esistono esperienze emotive di riparazione in grado di catalizzare un processo che possiamo davvero definire di “guarigione”, capace di ripristinare l’armonia di psiche e corpo. “Sentire le emozioni, incontrarle, attraversarle, sperimentarle primariamente nel corpo, dare loro un nome, quindi comprenderle nei molteplici significati che veicolano e utilizzarle come strumenti di consapevolezza di sé, dell’altro, della relazione, della malattia e della salute: questo è il percorso che può condurre dalla prigione dei copioni che si ripetono alla libertà di poter finalmente affrontare quel che si sente e quel che accade.” Con la sua voce calda ed empatica, la dottoressa Poli ci guida alla scoperta di questo nuovo approccio terapeutico, regalandoci anche una serie di esercizi da provare in prima persona per sviluppare progressivamente il nostro sentire e sperimentare così il potere trasformativo che le emozioni, vissute apertamente e accolte, hanno per ciascuno di noi.

Le vostre zone erronee

Leggendo questo libro si fa un’esperienza decisiva. S’impara a rispondere a se stessi. Sapere qual è il primo (e vero) amore. Liberarsi del passato. Non aver bisogno dell’altrui approvazione. Eliminare le emozioni inutili. Non essere schiavi delle convenzioni e dei giudizi umani (negativi). Smettere oggi di rimandare a domani. Conquistare l’indipendenza di giudizio e di comportamento. Non lasciarsi andare ai cattivi umori… Insomma s’impara, una volta per sempre, a eliminare tutte le “zone erronee” che turbano la nostra esistenza.

Il potere dell'intenzione

L’intenzione è solitamente vista come una gran determinazione a raggiungere un obiettivo, senza darsi per vinti e senza rinunciare al proprio lato interiore. In questo senso, un atteggiamento che unisce il duro lavoro con un’infaticabile spinta a fare sempre meglio è la strada per il successo. Tuttavia, l’intenzione è vista in modo diverso in questo libro. Per Dyer l’intenzione è una forza nell’universo che permette all’atto del creare di avvenire, e ogni cosa e ogni persona è connessa a questa forza invisibile.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi